20 statistiche che ogni responsabile delle strutture dovrebbe conoscere

Scritto da Jill / Alla Jul 23, 2022

post-thumb

Poiché sappiamo che i responsabili delle strutture amano i numeri, abbiamo raccolto alcuni dati sorprendenti che sono importanti per il 2022.

Il modo in cui lavoriamo è cambiato radicalmente negli ultimi anni. Anche il nostro posto di lavoro si sta evolvendo, come dimostrano queste statistiche.


  1. Il 70% delle aziende opta per un modello di lavoro ibrido
  2. Il 48% dei dipendenti lavora almeno parzialmente da casa
  3. Il 16% delle aziende nel mondo lavora completamente da remoto
  4. Il 97% dei dipendenti vuole lavorare da remoto
  5. Il telelavoro potrebbe ridurre i chilometri percorsi di 140 miliardi all’anno
  6. Le aziende possono risparmiare 11.000 dollari per dipendente grazie al telelavoro
  7. I dipendenti risparmiano fino a 7.000 dollari all’anno grazie al telelavoro
  8. Per il 60% dei millennial, il lavoro flessibile è una priorità
  9. L'84% dei lavoratori è più felice grazie al telelavoro
  10. Il 25% dei telelavoratori ha difficoltà a staccare la spina dopo il lavoro
  11. Il 44% delle aziende non consente il telelavoro
  12. Il mercato della gestione delle strutture crescerà dell'1,3% nel 2022
  13. Uno spazio di lavoro costa da 8.000 a 14.000 dollari all’anno
  14. Il 63% delle aziende utilizza l’analisi dei dati per aumentare la produttività
  15. La tecnologia intelligente può ridurre i costi energetici del 20%
  16. Per il 27% delle aziende, la sicurezza è fondamentale nell’analisi dei dati
  17. La spesa per la tecnologia IoT sale a 1.200 miliardi di dollari
  18. Entro il 2030, il 75% della forza lavoro sarà costituito da millennial.
  19. Il 63% dei dipendenti non si sente pienamente coinvolto nel proprio lavoro
  20. L’equilibrio tra lavoro e vita privata è il migliore in Italia


Il lavoro flessibile è in aumento


1. Il 70% delle aziende opta per un modello di lavoro ibrido

Anche prima della pandemia di corona, il lavoro a distanza era in aumento. Una ricerca di Global Workplace Analytics mostra che il telelavoro è cresciuto del 216% tra il 2005 e il 2019 e, con un’ulteriore spinta da parte di Covid, è ora in piena espansione. Tra i lavoratori della conoscenza, la percentuale di telelavoratori è addirittura quasi raddoppiata.

Studi recenti dimostrano che il modello di lavoro ibrido è ora la scelta preferita dalle aziende. Il 70% delle aziende considera una combinazione di telelavoro e lavoro d’ufficio come la nuova normalità, secondo un’indagine di Mercer.


2. Il 48% dei dipendenti lavora almeno parzialmente da casa

La società di ricerca Gartner ha calcolato che durante la pandemia, quasi la metà dei dipendenti lavorava a tempo pieno nella comodità della propria casa. Prima della pandemia, il 30% lavorava almeno occasionalmente da remoto, rispetto al 48% di oggi.


Percentuale di dipendenti che lavorano da casa




3. Il 16% delle aziende nel mondo lavora completamente da remoto

Il fatto che alcune aziende oggi non abbiano affatto una sede (centrale) e scelgano di lavorare completamente da remoto dimostra quanto sia cambiata la mentalità. Oggi queste aziende rappresentano solo il 16%, secondo Owl Labs, ma è molto probabile che questo numero aumenti nei prossimi anni.

La piattaforma di freelance Upwork stima che tra cinque anni più di un quarto di tutti i dipendenti lavorerà completamente da remoto. Ciò significa che 40 milioni di dipendenti in tutto il mondo lavoreranno a tempo pieno dal proprio salotto.


4. Il 97% dei dipendenti vuole lavorare da remoto

Il telelavoro è quindi in aumento e i datori di lavoro non vorrebbero altro. Secondo un sondaggio di Buffer, il 97% dei dipendenti vuole avere la possibilità di lavorare da remoto almeno una parte del tempo. I motivi principali, secondo Owl Labs, sono il risparmio di tempo, la riduzione dello stress, la possibilità di dedicare più tempo alla famiglia e una maggiore produttività.


Motivi dei dipendenti per lavorare da casa




5. Il telelavoro potrebbe ridurre i chilometri percorsi di 140 miliardi all’anno

Il telelavoro significa che i lavoratori non sono più costretti a recarsi in ufficio ogni giorno, e questo ha importanti implicazioni per il traffico. Secondo KPMG, nell’aprile 2020 - durante la prima ondata COVID-19 - il numero di chilometri percorsi negli Stati Uniti è diminuito fino al 64%.

Oggi le ondate di pendolari sono tornate. Ma se continuassimo a telelavorare almeno una parte del tempo, secondo lo stesso studio, il numero di chilometri percorsi potrebbe ridursi di 70-140 miliardi, solo negli Stati Uniti.

Questo non solo fa risparmiare denaro ai datori di lavoro, ma contribuisce anche a ridurre le emissioni di gas serra.


6. Le aziende possono risparmiare 11.000 dollari per dipendente grazie al telelavoro

Una statistica che sicuramente vi interesserà: secondo uno studio di Global Workspace Analytics, un’azienda americana media risparmia più di 11.000 dollari all’anno facendo lavorare i propri dipendenti da remoto per almeno la metà del tempo.

Come è possibile? È ovvio che quando i lavoratori telelavorano si spende meno in termini di spazio in ufficio e di costi energetici, ma ci sono anche altri fattori in gioco. Ad esempio, una maggiore soddisfazione del personale, che si traduce in minori interruzioni, minore rotazione del personale e maggiore produttività e impegno.


7. I dipendenti risparmiano fino a 7.000 dollari all’anno grazie al telelavoro

Non solo le aziende traggono vantaggi economici dal telelavoro. Global Workspace Analytics afferma che i dipendenti possono risparmiare da 2.000 a 7.000 dollari all’anno. Questo perché vengono eliminati o ridotti diversi costi: il trasporto e altri costi legati al lavoro, come l’abbigliamento da lavoro o le spese per il ristorante, nonché, ad esempio, i costosi servizi per l’infanzia. In alcuni casi, un ufficio a casa può anche offrire vantaggi fiscali.


Leggi tutto

5 tendenze nella gestione delle strutture che si affermeranno nel 2022


8. Per il 60% dei millennial, il lavoro flessibile è una priorità

Secondo il fornitore di servizi finanziari Bankrate, il 60% dei millennial sceglie opzioni di lavoro flessibili rispetto a una retribuzione più elevata. Questi lavoratori sarebbero disposti a rinunciare a parte del loro tempo libero e ad altri benefit se ciò significasse poter lavorare da remoto quando vogliono. Si tratta di un dato importante, visto che i millennial rappresentano quasi la metà della forza lavoro odierna.

Ma non sono solo i millennial a dare un’alta valutazione alla flessibilità. Tutti i dipendenti vogliono flessibilità, ed è quello che la maggior parte di loro ha ottenuto negli ultimi anni. Secondo una ricerca del fornitore di servizi EY, se la loro azienda riducesse nuovamente la flessibilità, oltre il 50% di loro sarebbe disposto a cercare un altro lavoro.


9. L'84% dei lavoratori è più felice grazie al telelavoro

L'84% delle persone che hanno lavorato a distanza durante la pandemia ha dichiarato in un sondaggio di Owl Labs che sarebbe più felice se avesse la possibilità di continuare a lavorare in telelavoro almeno in parte. Quasi l'80% si sentirebbe meno stressato e più sicuro di sé nello svolgere il proprio lavoro.


Benefici del lavoro da casa




10. Il 25% dei telelavoratori ha difficoltà a staccare la spina dopo il lavoro

Abbiamo visto che i telelavoratori sono più impegnati, più felici, più sani e più produttivi, ma ci sono anche delle sfide. Secondo Buffer, il 25% dei telelavoratori ha difficoltà a staccare la spina al termine della giornata lavorativa. Staccare la spina mentalmente sembra più difficile quando si lavora al tavolo della propria cucina.

Altre difficoltà che i telelavoratori incontrano sono la solitudine (19 percento) e la comunicazione (17 percento).


11. Il 44% delle aziende non consente il telelavoro

Nonostante l’innegabile crescita del lavoro a distanza, ci sono ancora aziende che non consentono il telelavoro. Alcuni lavori richiedono semplicemente la presenza fisica, come i receptionist o gli addetti alla produzione, ma in alcune aziende ci si aspetta che anche gli impiegati siano in ufficio a tempo pieno.

Secondo Owl Labs, il 44% delle aziende oggi è ancora contrario al telelavoro. Ma questo numero è destinato a diminuire, a causa di circostanze esterne, evoluzioni tecniche e pressioni da parte dei dipendenti e delle aziende concorrenti.



Il mercato della gestione delle strutture continua a crescere


12. Il mercato della gestione delle strutture crescerà dell'1,3% nel 2022

La pandemia della corona ha evidenziato l’importanza della gestione delle strutture. Il ruolo del responsabile delle strutture diventa più importante e sempre più aziende riconoscono l’enorme impatto che un responsabile delle strutture può avere sull’azienda. La gestione delle strutture è quindi uno dei settori in più rapida crescita.

Fortune Business Insights ha calcolato che il mercato della gestione delle strutture e di altri servizi amministrativi dovrebbe crescere dell'1,3% entro la fine dell’anno rispetto al 2021.

Tra il 2020 e il 2030, l’occupazione nel settore crescerà del 9%. A livello globale, il mercato della gestione delle strutture vale oggi 1.260,36 miliardi di dollari. Secondo Fortune Business Insights, entro il 2029 il valore sarà di 1.856,44 dollari.


13. Uno spazio di lavoro costa da 8.000 a 14.000 dollari all’anno

La società di ricerca Gartner ha calcolato che fornire uno spazio di lavoro a un dipendente costa a un’organizzazione da 8.000 a 14.000 dollari all’anno. I costi possono essere ridotti grazie a una corretta gestione degli spazi e delle attrezzature.

Secondo la società di consulenza immobiliare JLL, i luoghi di lavoro più costosi si trovano a Hong Kong, New York, Pechino e Londra.


La tecnologia intelligente e l’analisi dei dati guadagnano slancio


14. Il 63% delle aziende utilizza l’analisi dei dati per aumentare la produttività

L’analisi dei dati ha cambiato radicalmente il panorama aziendale. Più che mai, sta fornendo alle organizzazioni approfondimenti praticabili che portano a risultati positivi. Secondo un sondaggio di MicroStrategy, la maggior parte delle aziende (63%) utilizza i data analytics per aumentare la produttività e l’efficienza. Il 57% si affida ai dati analitici per prendere decisioni.


Vantaggi aziendali dati analitici




15. La tecnologia intelligente può ridurre i costi energetici del 20%

Le ricerche dimostrano che le aziende risparmiano in media il 5% sui costi totali di occupazione, il 3,5% sui costi di locazione e il 3,3% sui costi di manutenzione utilizzando software speciali e tecnologie intelligenti. L’uso della tecnologia dei sensori per monitorare il consumo energetico negli edifici adibiti a uffici può addirittura ridurre i costi energetici fino al 20%.

Utilizzando un software di gestione degli spazi, le aziende hanno una visione chiara di come viene utilizzato il loro spazio ufficio. Su questa base, possono prendere decisioni che le aiuteranno a risparmiare molto denaro. Il software di manutenzione fornisce informazioni sui costi operativi, che possono essere valutati in modo coerente.


16. Per il 27% delle aziende, la sicurezza è fondamentale nell’analisi dei dati

Secondo un sondaggio di MicroStrategy, il 27% delle aziende di tutto il mondo considera la sicurezza il fattore più importante nella scelta di una soluzione di data analytics.

Altri fattori importanti sono: versatilità della piattaforma, facilità d’uso e reputazione (17% ciascuno).


In Vizito prendiamo sul serio la sicurezza. Per saperne di più su come i sistemi di gestione dei visitatori possono migliorare la sicurezza nella vostra azienda, cliccate qui.


17. La spesa per la tecnologia IoT sale a 1.200 miliardi di dollari

È chiaro che il ruolo della tecnologia intelligente sta diventando sempre più importante e continuerà a crescere. Entro il 2022, si prevede che la spesa globale per la tecnologia Internet of Things raggiungerà i 1.200 miliardi di dollari, con un tasso di crescita annuale composto (CAGR) del 13,6%.

Il numero di dispositivi IoT connessi a livello mondiale dovrebbe raggiungere i 14,4 miliardi entro la fine di quest’anno.


Nuove sfide per la forza lavoro


18. Entro il 2030, il 75% della forza lavoro sarà costituito da millennial.

Il Bureau of Labor Statistics degli Stati Uniti prevede che i millennial costituiranno il 75% della forza lavoro entro il 2030.

Per attrarre questi talenti, le aziende dovranno adottare gli strumenti tecnologici che questa generazione è solita utilizzare. Nuove sfide attendono i responsabili delle strutture.


19. Il 63% dei dipendenti non si sente pienamente coinvolto nel proprio lavoro

In uno studio sulla forza lavoro globale condotto dalla società di consulenza assicurativa Towers Watson, il 63% dei lavoratori statunitensi dichiara di non sentirsi pienamente coinvolto nel proprio lavoro, soprattutto perché l’ambiente di lavoro non fornisce loro un supporto adeguato. Secondo i dati, i dipendenti non hanno un legame positivo con il proprio datore di lavoro, con conseguente calo della produttività.


20. L’equilibrio tra lavoro e vita privata è il migliore in Italia

Secondo l’OCSE, in Italia le persone hanno il miglior equilibrio tra lavoro e vita privata. Solo il 3% dei dipendenti del Paese lavora più di 50 ore a settimana. Anche Danimarca, Norvegia, Spagna e Paesi Bassi si classificano ai primi posti. Gli Stati Uniti sono solo al 29° posto perché più del 10% degli americani ha giornate lavorative molto lunghe.


Equilibrio vita-lavoro dei dipendenti





Per avere un’idea di come un moderno sistema di gestione dei visitatori possa aiutare la vostra azienda, provate Vizito durante una prova di 14 giorni o chattate con noi per discutere di come Vizito possa aiutarvi a migliorare la vostra accoglienza.

Hai altre domande? Queste sono le 7 domande più comuni sui sistemi di gestione dei visitatori - e le nostre risposte._

Iscriviti per ricevere nuovi articoli

Condividi questo articolo

Messaggi recenti del blog

Prova gratis Vizito